Progetto “Messaggi di fumo”

Come i ragazzi valutano gli spot contro la diffusione del tabacco

 

Ogni anno, in Europa il fumo uccide circa 700.000 persone. Questo dato rende il consumo di tabacco il principale rischio evitabile per la salute. L’età media alla quale si accende la prima sigaretta è 17,9 anni, e sono molti i giovanissimi che iniziano a fumare anche prima dei 13 anni.

Il nostro sistema normativo è considerato un buon deterrente per contrastare il tabagismo, ma senza un’opportuna informazione si rischia di non cogliere appieno tutti gli sforzi fatti per tutelare la salute, soprattutto dei ragazzi.

Un team di ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha selezionato 10 spot divulgativi nazionali ed europei contro il fumo, prodotti negli ultimi anni (estrapolati da una vasta raccolta di cortometraggi e pubblicità), che si presentano disomogenei per linguistica, semiotica, semantica, tecniche di sceneggiatura audiovisiva e accompagnamento sonoro.

Attraverso questa indagine l’ISS ha voluto analizzare il gradimento e la comprensione della comunicazione istituzionale in tema di prevenzione e promozione di comportamenti consapevoli sul fumo fra i giovani.

 



 

Maggiori informazioni:

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *