Accreditamento laboratori per la tutela della salute nello sport

In base all’Accordo Stato-regioni e province autonome del 28 luglio 2005 sono state delineate le procedure per l’accreditamento dei Laboratori Anti-Doping regionali (LAD) da parte del Ministero della Salute previa valutazione dell’Istituto Superiore di Sanità.

La richiesta di accreditamento va presentata all’Istituto Superiore di Sanità, che provvederà alle verifiche tecniche dei requisiti strutturali, strumentali, funzionali e di dotazioni posseduti dai Laboratori che avanzeranno la richiesta. Successivamente la Commissione per la Vigilanza ed il Controllo sul Doping e per la tutela della salute nelle attività sportive (CVD), verificata la documentazione, proporrà al Ministro della Salute l’attribuzione del Certificato LAD al Laboratorio, di validità triennale.

L’accreditamento, implica, il rilascio di un certificato di laboratorio antidoping, denominato “Certificato LAD”. Tale certificato, durante il triennio di validità, può essere revocato dal Ministero della Salute, su proposta dell’Istituto Superiore di Sanità e verifica da parte della Commissione per la vigilanza ed il controllo sul doping.

Per ottenere l’accreditamento dei “Requisiti” di Laboratorio AntiDoping -LAD, i Laboratori devono:

  • Compilare la domanda ed inviarla a: Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Viale Regina Elena, 299 00161 – Roma.
  • Versare tramite bonifico bancario a favore dell’Istituto Superiore di Sanità la tariffa riguardante il punto 27.1 “Accreditamento laboratori antidoping regionali (LAD)” del Tariffario dei servizi resi a pagamento, Decreto Presidenziale del 30/10/2006 pubblicato nella Gazzetta ufficiale Serie generale n. 293 del 18/12/2006.

 

Le informazioni sulle procedure di accreditamento sono inoltre disponibili sul sito del Ministero della Salute (www.ministerosalute.it, sezione Antidoping).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *